Il giorno più difficile: Betlemme ed Hebron

Betlemme

Per andare da Israele ai territori sotto controllo palestinese si va liberamente (forse per Gaza, controllata da Hamas, è diverso). Per tornare, invece, dai territori in Israele ci sono controlli minuziosi.

Andiamo dunque verso Betlemme con un autobus di linea dalla porta di Damasco. Già lungo la strada appare il muro che separa Israele dai territori palestinesi.

Betlemme, per chi non ha interessi religiosi, sembra una cittadina come un’altra. Sulla piazza, come ogni settimana, si raccolgono i parenti degli 11.000 palestinesi in prigione in Israele. Penso alla striscia gialla che Jeudith porta sulla macchina per solidarietà con il soldato israeliano catturato (gli israeliani dicono “rapito”) da Hamas.

Hebron

Il tassinaro che da Betlemme ci porta a Hebron la mattina insegna e, con sette figli, il pomeriggio arrotonda. Il muro visto dalla parte palestinese è pieno di murales. Ce ne colpisce uno, la cui forma è simile alla scultura degli israeliani uccisi in un attentato, anche se il significato è del tutto diverso


La strada fra Betlemme e Hebron è punteggiata da “insediamenti” israeliani: cittadine nuove di zecca, in cui vengono mandati i nuovi arrivati da Ucraina, Etiopia, etc, costruite su territorio palestinese, a loro volta circondate da muri. A macchia di leopardo, sicchè i muri spezzettano sempre di più il territorio palestinese.


Nel 1929 gli ebrei che vivevano in Hebron furono massacrati dagli arabi e costretti a fuggire. Dopo il 1968 (guerra dei 6 giorni) hanno “ripreso” pezzi di Hebron, e ora circa 600 israeliani vivono in 5/6 piccole enclave, dentro una città di 500.000 palestinesi, protetti da 4.000 soldati.

Incontriamo scale che salgono alle finestre: si tratta di una casa che aveva la porta dalla parte opposta, e che è stata murata perchè nelle case di fronte alla ex porta ora ci sono coloni israeliani.

Nel suk, una volta fiorentissimo di commerci, sono aperti forse tre negozi su 10: vi si affacciano finestre di case di israeliani.


Hebron è città sacra a tutte le religioni, perchè contiene le tombe di Rachele, Abramo, Isacco e qualche altro personaggio biblico. Da quando, alcuni anni fa, un ebreo ortodosso uccise con un mitra 15 mussulmani in preghiera e ne ferì circa 200, moschea sinagoga e chiesa sono state rigidamente divise. Entriamo nella moschea e fa un certo effetto affacciarsi da una griglia alla tomba di non mi ricordo chi e sentire un canto che viene dagli ebrei dalla parte opporta del mausoleo.

Interno moschea di Hebron: tomba di Abramo (?)

Usciamo dalla moschea e il nostro tassinaro ci porta verso la sinagoga: i soldati israeliani di guardia ci fermano, dicono che noi possiamo proseguire ma lui no. Lui dice che viene sempre a portare i turisti, al che si fanno consegnare il tesserino del taxi e ci tengono per una mezz’ora fermi. Noi potremmo proseguire ma uno siamo preoccupati per lui e due abbiamo lasciato cose nostre sul taxi e non sapremmo come tornare. La mezz’ora di attesa ci pare indice di quelle piccole prepotenze quotidiane che i palestinesi subiscono.
dove hanno fermato il tassinaro. Il veicolo blu è di osservatori internazionali

Parte del check point per rientrare da Betlemme a Gerusalemme

Il giorno dopo il museo sull’olocausto la domanda sale: come è possibile che un popolo che solo 60 anni fa ha subito quello che ha subito, non si renda conto dell’oppressione che sta esercitando su un altro popolo?

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.