Archivi autore: Stefano

Io sono il fiume (Mario Santamaria)

Un romanzo impegnativo. Già le oltre cinquecento pagine, tutte dense, dicono molto dell’impegno profuso. La sintesi della storia sta nella seconda di copertina, perciò non mi ripeterò. Personalmente non credo ai generi, credo ai buoni libri ben scritti, e questo … Continua a leggere

Pubblicato in Libri letti | Lascia un commento

E poi siamo arrivati alla fine (Joshua Ferris)

Scritto in prima persona plurale, ad intendere non qualche “tu ed io”, come nelle ultime pagine potrebbe sembrare – in realtà è rimasto un solo personaggio in scena – ma un gruppo di pubblicitari annoiati e strapagati. Preoccupati di licenziamenti … Continua a leggere

Pubblicato in Libri letti | Lascia un commento

Homo Deus (Yuval Noah Harari)

Un concentrato di intelligenza, come ogni volta che un rigoroso esame del presente e del passato induce a porsi domande epocali, senza la pretesa di avere le risposte. Non riesco a riprodurre i percorsi con i quali Harari arriva ad … Continua a leggere

Pubblicato in Libri letti | 1 commento

“Fortunata” e “Napoli velata”: o del cinema troppico

Ho visto di recente due film di qualche tempo fa: “Napoli velata” di Opzetek e “Fortunata” di Castellitto. Mi ha colpito il fattore che li accomuna: il troppismo (“troppismo” già ci si potrebbe provare, “troppico” del titolo in effetti non … Continua a leggere

Pubblicato in Film visti | Lascia un commento

Essere una macchina (Mark O’Connel)

Alla scoperta di chi crede davvero alla possibilità di diventare immortale. Sul serio. Si chiamano “transumanisti”. Banalizzerò un po’ qualche concetto, per miei limiti di conoscenza, ma gli assunti sui quali si basa questa visione del mondo sono stati prodotti … Continua a leggere

Pubblicato in Libri letti | Lascia un commento

Il codice angelico (Roberto Giovagnoni – Adriano Perna)

Chi mi conosce sa che niente è più lontano da me della “angeologia”, di cui questo libro tratta. Ne ho lette le prime pagine, sfogliate le altre, perchè mi è stato regalato, con tanto di bella dedica, da Roberto, uno … Continua a leggere

Pubblicato in Libri letti | 1 commento

Invito a cena (Joshua Ferris)

Quancuno che considero affidabile e che, ahimè, non ricordo chi fosse, mi aveva consigliato un romanzo di questo Joshua Ferris. In libreria quel romanzo non l’ho trovato, e così mi sono detto intanto compro questo. Mi sono accorto solo a … Continua a leggere

Pubblicato in Libri letti | Lascia un commento

Le affinità elettive (Johann W. Goethe)

Mi sento come il Fantozzi del cineforum: questo libro è una palla mostruosa. Qui applausi zero, e se qualcuno mi leggesse mi massacrerebbe per l’impertinenza di dire male di uno dei libri più letti al mondo e di più duraturo … Continua a leggere

Pubblicato in Libri letti | Lascia un commento

Ogni cosa è illuminata (Jonathan Safran Foer)

Avevo il ricordo vago di un bel film, diretto da un attore che stimo molto: Liev Schreiber, protagonista de “Il candidato della Maciuria” e, più di recente, dell’ottima serie “Ray Donovan”. Tanto di cappello a Foer che lo ha scritto … Continua a leggere

Pubblicato in Libri letti | Lascia un commento

Il maestro di nodi (Massimo Carlotto)

Meno di duecento pagine che scorrono lievi, anche se piene di trucidezze, perchè Carlotto scrive lieve e fa succedere un sacco di cose una appresso all’altra. Tutto poco probabile con quei vecchi banditi con il loro codice d’onore eccetera che … Continua a leggere

Pubblicato in Libri letti | Lascia un commento