Quirke

Tre episodi di circa un’ora e mezza l’uno, quindi di fatto tre film con ciascuno una propria storia e con gli stessi protagonisti.

Gabriel Byrne è Quirke, un anatomopatologo che si trova quasi suo malgrado ad investigare su morti sospette.

Non è tuttavia il giallo la cifra tematica delle mini serie, quanto l’ambientazione nella Dublino bacchettona ed ipocrita del secondo dopoguerra ed i collegamenti peccaminosi con la Boston di derivazione irlandese. Abbiamo dunque il vecchio giudice sopra alla legge, triangolazioni e intrecci familiari tortuosi con il fratellastro, la moglie, la figlia e sullo sfondo i bambini abbandonati negli orfanotrofi, la ricerca dei genitori e di tutto un po’.

Nulla di particolarmente originale, ambientazione curatissima, attori tutti che ti immagini usciti dai teatri shakespeariani, la sola interpretazione, sommessa ed intensa come in “In treatment”, di Gabriel Byrne vale la visione.

La serie – BBC – è del 2014.

Questa voce è stata pubblicata in Serie TV. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.